NOTIZIE ED EVENTI

LE GRAND TASTING - Bettane+Desseauve

30 Novembre - 1 Dicembre 2018
Carrousel du Louvre - Paris

MERANO WINE FESTIVAL  

10-12 Novembre 2018
Merano

WINE SYMPOSIUM VILLA D'ESTE

8-11 Novembre 2018
Villa d'Este - Cernobbio

MATTER OF TASTE - Robert Parker, Wine Advocate 

25 Agosto 2018
Singapore

VINEXPO HONG KONG

29-31 Maggio 2018
Hong Kong

VINITALY

15-18 Aprile 2018
Verona

GREAT WINES OF ITALY - James Suckling

7 Marzo 2018
Miami

MATTER OF TASTE - Robert Parker, Wine Advocate 

24-25 Febbraio 2018
Zurigo

APPROFONDIMENTI

COLLEZIONE MILLESIMI

Già nel 1990 Vie di Romans aveva scelto, in un contesto culturale enologico abbastanza diverso, di dedicare maggior tempo all’affinamento dei propri vini, presentando al mercato un prodotto al secondo anno dopo la vendemmia.

QUAL E’ IL VERO COLORE DEL PINOT GRIGIO?

Giallo paglierino, ramato, bianco carta, rosato, buccia di cipolla, queste sono le tonalità che possiamo riscontrare quando ci imbattiamo in un vino pinot grigio e spesso sorge la legittima domanda su quale sia la giusta espressione cromatica.

Il nostro pensiero

Conoscere i fattori produttivi che stanno alla base di una certa sensazione organolettica è senz’altro il desiderio di chiunque voglia comprendere più da vicino il frutto di questo lavoro. La produzione dell’uva e la qualità del vino sono variabili legate ad un numero elevato di fattori che, se trattati in modo superficiale, non aiutano ad identificare la vera essenza di un’azienda. Non si può parlare, quindi, della qualità di un vino correlandola al solo terreno o alla tecnica enologica, ma bisogna cercare di descrivere l’insieme delle variabili che interagiscono nell’ambito produttivo.

Ora, nelle pagine successive parleremo solamente di quelle che possano meglio delineare un profilo della produzione Vie di Romans, e che sostanzialmente fanno parte di tre ambiti: ambiente, viticoltura e l’uomo.  
•  Ambiente - Si intende tutto ciò che è inerente al clima e al terreno.   
•  Viticoltura - Riguarda tutte le scelte agronomiche messe in atto per avere un sistema viticolo efficiente.         
•  L’uomo - Rappresenta l’elemento centrale della realtà produttiva.
L’uomo parte dalla conoscenza dell’ambiente per poter orchestrare i fattori colturali verso un fine. Quindi, l’uomo si mette al centro di tutto questo e si scopre artefice e anche parte di un qualcosa di molto ampio che lo supera e lo pone davanti ad un mistero.  L’interazione tra uomo e territorio, tra uomo e linguaggio armonioso del creato, fanno si che il frutto di questo dialogo sia così nuovo, vario, complesso e unico.